Top

L’età dell’oro della potenza olandese

Olandese volante

L’età dell’oro della potenza olandese

I Paesi Bassi erano nel XVI secolo una delle regioni d’Europa in cui il tasso di “lettura-scrittura” era uno dei più alti d’Europa (in terra olandese toccava probabilmente almeno il 25%) e comprende rinomati centri universitari come Lovanio o Utrecht – questa è la patria del grande umanista Erasmo (1466-1536 circa), nato a Rotterdam. Ciò spiega sia la forte penetrazione del protestantesimo, una visione più individuale e più intellettuale del cristianesimo, sia la condivisione del potere politico tra i rappresentanti del re e delle assemblee locali – gli Stati provinciali e generali.

La Spagna di Filippo II sembrava decisa, dagli anni Sessanta del Cinquecento, a limitare l’autonomia dei Paesi Bassi e a restaurare il cattolicesimo. Nel 1565, una delegazione dei principali nobili delle province – poiché le istituzioni elette dell’epoca erano infatti detenute dalle grandi famiglie borghesi e aristocratiche – non poté evitare la repressione guidata dal Duca d’Alba e provocata da un’ondata di violenza iconoclasta dai calvinisti. Gli olandesi iniziano la loro guerra di indipendenza – la “Guerra degli ottant’anni” (1568-1648) – con la prima vittoria dei ribelli, guidati da Guglielmo d’Orange (“il Silente”) sul Duca d’Alba in Heiligerlee, ma fu nel 1579 che i Paesi Bassi spagnoli si fratturarono: in risposta all’Unione di Arras delle province meridionali, decise a rimanere cattoliche e fedeli alla Spagna, si formarono le province settentrionali l’Unione di Utrecht, i cui Stati Generali ritennero che Filippo II non fosse più degno di essere il loro re e finì per affermarsi come “Repubblica delle Province Unite” (1588).

L’ascesa della potenza olandese

Il successo finale di questi “Mendicanti del mare“, come si definivano, assumendo come valoroso il soprannome sprezzante dato dagli spagnoli, può essere spiegato da diversi fattori. Il valore degli olandesi, prima di tutto, soprattutto come marinai, perché le loro flotte commerciali e pescherecce erano già le più attive in Europa – soprattutto nella pesca delle aringhe, il “re del pesce”. Ma anche il sostegno di Francia e Inghilterra, desiderosi di contrastare la potenza spagnola: nel 1588, una flotta che gli inglesi ironicamente soprannominò “Invincible Armada” viene respinta nella Manica.

Va detto che la Spagna ha dovuto disperdere i suoi sforzi in tutto il mondo per vigilare sui suoi possedimenti. Infatti, gli inglesi e gli olandesi hanno posto in essere una strategia volta a ledere gli interessi coloniali ispanici: questi ultimi soppiantarono gradualmente i portoghesi nell’Oceano Indiano, anche temporaneamente in Brasile, e Piet Heyn riuscì nel 1628 a impadronirsi del galeoni che trasportavano spedizioni di metalli e beni preziosi dalle colonie spagnole e dalle Filippine verso l’Europa una o due volte all’anno.

Le Province Unite dovettero la loro indipendenza anche alle sconfitte spagnole – compresa quella del 19 maggio 1643 a Rocroi, contro il duca di Enghien, che distrusse l’immagine di invulnerabilità di “questa formidabile fanteria dell’esercito di Spagna”. Quando sottoscrissero il Trattato di Osnabrück, nel 1648, che ne riconosceva lo status di Stato indipendente, erano già diventati una grande potenza commerciale e coloniale e lo sarebbero rimasti per tutto il XVII secolo.

E questo nonostante le divisioni interne, sia religiose – tra i calvinisti ortodossi e gli “Arminiani” che rifiutano la predestinazione – che politiche, tra i difensori di una concezione repubblicana e federalista, desiderosi di preservare una grande autonomia degli Stati, e i partigiani. di un potere più centralizzato e quasi monarchico, incarnato da Maurice de Nassau, il figlio del “Taciturno”, che fu nominato successivamente Stadtholder da 5 province.


Grazie alle vittorie conseguite il Stadtholder, riuscì a vincere la riluttanza degli Stati e a schiacciare temporaneamente i repubblicani facendo giustiziare il loro leader Oldenbarnevelt nel 1619. Ma dopo il ritorno alla pace e la morte di Guglielmo II, gli Stati ripresero il controllo e lasciarono vacante l’incarico di Stadtholder per due decenni (1650-1672), che corrispondono realmente alla “Golden Age” olandese, anche artisticamente.

L’età dell’oro

Il potere delle Province Unite quindi non derivava da un progetto imperiale (guidato dalla volontà politica, ma da una visione principalmente mercantile: fare di tutto per promuovere l’arricchimento della borghesia imprenditoriale che controllava le istituzioni. Naturalmente c’era una concezione del mondo dietro questa espansione, una concezione “liberale” nel senso pieno ed etimologico che il giurista Grotius difese in particolare pubblicando nel 1609 Mare liberum, una “dissertazione” sulla libertà dei mari in cui attaccava il monopolio del commercio con le Indie rivendicato dal Portogallo e la logica imperiale che aveva portato le potenze iberiche a dividere il mondo (trattati di Tordesillas, 1494 e di Saragozza, 1529) sotto il patrocinio del Papa, che ovviamente non impressionarono un paese divenuto protestante.

La Compagnia olandese delle Indie

Lo strumento di questo potere “apolitico” era logicamente un’impresa: la United East India Company, conosciuta con l’acronimo olandese di VOC. Come suggerisce il nome, questa VOC è il risultato della fusione di diverse società precedenti che avevano iniziato a sfidare il monopolio portoghese nei collegamenti con il sud-est asiatico. Dopo diversi tentativi falliti, gli olandesi riuscirono tra il 1598 e il 1602 a inviare 65 navi nell’Oceano Indiano, da dove alcune si spinsero in Cina e Giappone, facendo profitti fino al 265% sui carichi. Per evitare che la concorrenza trascinasse al ribasso i profitti, furono gli Stati Generali delle Province Unite, il loro parlamento, che, nel 1602, imposero la fusione dei concorrenti dando alla nuova società il suo statuto.

La VOC non cesserà quindi di ricevere privilegi commerciali ma anche diplomatici, autorizzandola a trattare con Stati sovrani e addirittura a mantenere un vero e proprio esercito privato, prefigurando insomma le società di sicurezza recentemente assunte dall’esercito americano per garantire certe operazioni militari durante i suoi interventi all’estero. All’inizio degli anni 1670, la VOC era a capo di 150 navi mercantili e 40 navi da guerra. Contava più di 12.000 soldati, necessari per le sue navi sia in senso digressivo che offensivo come nella progressiva conquista dell’Indonesia (fondazione di Batavia nel 1619 e controllo di Malacca nel 1641).

La proiezione commerciale e coloniale

La VOC era il vero “braccio armato” dell’espansionismo olandese nell’Oceano Indiano, imponendo gradualmente ai governanti locali, dalle coste dell’India a quelle della Malesia e degli arcipelaghi indonesiani, un monopolio sulle esportazioni di spezie – pepe in particolare – e il tessile, le principali produzioni di interesse per gli europei. Garantiva inoltre buona parte del “commercio nelle Indie”, che oggi chiameremmo “commercio intraregionale” (circa un centinaio di navi vi erano dedicate alla fine del XVII secolo).

Finanziò le esplorazioni di Abel Tasman nell’Oceano Indiano meridionale e nel Pacifico occidentale tra il 1642 e il 1644, scoprendo le Mauritius e la Tasmania, la Nuova Zelanda, il Tonga e le Fiji. Era di gran lunga la società commerciale più importante dell’epoca: quando fu fondata, il suo capitale era pari a 60 tonnellate d’oro ,10 volte di più della sua rivale inglese. Fu anche la prima grande società per azioni della storia, con un capitale suddiviso in azioni di 3.000 fiorini, detenuta da poco più di 300 azionisti e quotata alla Borsa di Amsterdam .L’organo di governo supremo era il Consiglio dei 17 gentiluomini, 8 dei quali rappresentavano la città di Amsterdam, che di solito si riuniva 3 volte l’anno.
Se la VOC era di proprietà degli olandesi e guidato da “cittadini”, può essere considerata la primo compagnia “ transnazionale” della storia in quanto le sue operazioni sono state condotte principalmente in territori d’oltremare. Si limitava essenzialmente ad un’attività commerciale, senza una vera e propria “colonizzazione” se si eccettua la fondazione della colonia di Cape Town, all’estremità dell’Africa (1652), per consentire una sosta sulla “route des Indie” e per soccorrere le navi naufragate in queste zone pericolose: questa fu l’origine dell’attuale Sudafrica e della sua popolazione di “afrikaner”, discendenti dai coloni olandesi ma anche protestanti francesi.

D’altra parte, la sua controparte per le Indie “occidentali” cercò di stabilirsi maggiormente nel Nord America e nelle Indie occidentali (in particolare creando New Amsterdam sull’isola di Manhattan). Ma la Compagnia delle Indie occidentali non raggiunse mai l’influenza della sua controparte orientale; perse parte dei suoi possedimenti – inclusa la futura New York – a causa della seconda guerra anglo-olandese cessando la sua attività nel 1674.

L’Olanda, patria del capitalismo

Non è un caso che queste grandi o pagine siano nate in Olanda, dove si sono sviluppati alcuni degli strumenti essenziali del capitalismo: se la banca è apparsa in Lombardia nel Medioevo le società per azioni e le “borse” furono inventate nelle Fiandre: la parola – e la pratica – apparvero a Bruges all’inizio del XV secolo e l’esistenza della borsa di Anversa risale almeno al 1531, in attesa della fondazione di quella di Amsterdam nel 1611. Fu anche nella capitale olandese che nel 1609 fu fondata una banca pubblica la Wisselbank, dotata di monopolio dei cambi e primo esempio di banca di deposito. Il capitalismo olandese quindi associava strettamente gli interessi privati ​​e il potere pubblico, anche se quest’ultimo sembrava essere largamente sotto il controllo e al servizio del primo.

La dominazione dei Paesi Bassi all’inizio del XVII secolo approfittò di circostanze favorevoli. Mentre la Spagna fu occupata dalla Guerra dei Trent’anni, anche l’Inghilterra conobbe una battuta d’arresto rispetto al periodo elisabettiano, soprattutto sui mari, durante il regno di Carlo I, segnato da scontri politici e religiosi culminati in due guerre civili (1642-1645 e 1648-1649) e nell’esperienza repubblicana sotto Cromwell (1649-1660).

Quanto alla Francia, scossa dalle convulsioni di due reggenze (1610-1617 e 1643-1651) e della Fronda (1648-1653), non poteva competere con la maggiore potenza marittima dell’epoca e decise di appoggiare le Province Unite. Infine, a livello locale, la rivolta contro la Spagna portò alla rovina di Anversa, saccheggiata nel 1576 e in parte abbandonata dai suoi abitanti, alcuni dei quali migrarono nelle Province Unite che dal 1585 bloccarono le foci della Schelda; il soffocamento di questo importante porto e il declino del principale polo economico dei Paesi Bassi meridionali hanno facilitato l’ascesa di Amsterdam.

Il declino della potenza olandese

La “Golden Age” delle Province Unite fu però fragile perché la base territoriale dello Stato era vulnerabile: poco dopo la sua indipendenza ufficiale, il Paese si trovò coinvolto in due guerre contro l’Inghilterra, il cui potere marittimo fu rafforzato dopo gli Atti di Navigazione del 1651: questi atti erano misure protezionistiche destinate a finanziare la costruzione di una marina. Stabilirono un monopolio sulle navi inglesi per le importazioni e minacciarono l’attività della marina olandese, che allora forniva gran parte del trasporto internazionale di merci in Europa – il 70% del commercio baltico, per esempio.

Le Province Unite uscirono da queste guerre marittime senza troppi danni grazie ad ammiragli eccezionali come Tromp e de Ruyter. Quest’ultimo inflisse una memorabile sconfitta e umiliazione alla Royal Navy con il suo raid del giugno 1667 sull’estuario del Tamigi. L’Inghilterra allora si rese conto della vulnerabilità di Londra e capì che non avrebbe mai dovuto permettere a una forte potenza navale di occupare il fronte del Mare del Nord, e in particolare le foci della Schelda.

Nel 1672 l’alleato francese, già impegnato in una guerra doganale dal 1667, cambiò postura e unì un’offensiva di terra alla terza guerra anglo-olandese, in mare. L’attacco francese fu fatale ai repubblicani: de Witt e suo fratello vengono massacrati dalla folla di scontenti e lo Stadtholder
viene ristabilito in favore di Guglielmo d’Orange. Ma l’Ammiraglio Ruyter fu in grado di evitare la minaccia di uno sbarco, mentre l’invasione di terra viene fermata a costo dell’allagamento dei polder recentemente bonificati dal mare. Ma il sud del paese è devastato e dai conflitti interni indeboliscono la Repubblica: lo stadtholder invia de Ruyter, vicino ai de Witts, nel Mediterraneo dove viene sconfitto da Duquesne ad Agosta e muore a seguito del combattimento (1676). La politica estera dei Paesi Bassi è poi sempre più focalizzata su quella dell’Inghilterra, soprattutto quando lo Stadtholder era salito al trono d’Inghilterra con la moglie Marie, al posto del suocero Jacques II. , alla fine della “Gloriosa Rivoluzione” (1688-89).


Il diciottesimo secolo sarà quello del declino delle Province Unite, irrimediabilmente travolte a livello navale dall’Inghilterra e costrette a fare affidamento su poteri protettivi per scongiurare la minaccia francese – Inghilterra appunto, ma anche Prussia – a Guglielmo IV, che ottenne il ristabilimento dello statolderato dopo 45 anni (1702-1747) ma con due novità: si estese a tutta la Repubblica e divenne ereditario, preparando il passaggio alla monarchia. I repubblicani, che erano diventati “patrioti”, tentarono di cambiare le politiche conservatrici di Guglielmo V, ma una disastrosa quarta guerra anglo-olandese (1780-1784) e l’intervento prussiano misero fine all’inizio di una rivoluzione. L’occupazione del paese da parte dei francesi a partire dal 1795 e lo scioglimento della VOC nel 1799, confermarono il declino del potere olandese, che, tuttavia, mantenne gran parte del suo impero coloniale fino all’indomani della Seconda guerra mondiale.

Nel 2011 ha fondato il Network internazionale Cestudec (Centro studi strategici Carlo de Cristoforis) con sede a Como, centro studi iscritto all'Anagrafe della Ricerca dal 2015. La finalità del centro è quella di studiare, in una ottica realistica, le dinamiche conflittuali delle relazioni internazionali ponendo l'enfasi sulla dimensione della intelligence e della geopolitica alla luce delle riflessioni di Christian Harbulot fondatore e direttore della Scuola di guerra economica(Ege) di Parigi

Post a Comment


доступен плагин ATs Privacy Policy ©

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito fa uso di cookie, file di testo che vengono registrati sul terminale dell’utente oppure che consentono l’accesso ad informazioni sul terminale dell’utente. I cookie permettono di conservare informazioni sulle preferenze dei visitatori, sono utilizzati al fine di verificare il corretto funzionamento del sito e di migliorarne le funzionalità personalizzando il contenuto delle pagine in base al tipo del browser utilizzato, oppure per semplificarne la navigazione automatizzando le procedure ed infine per l’analisi dell’uso del sito da parte dei visitatori. Accettando i cookie oppure navigando il sito, il visitatore acconsente espressamente all’uso dei cookie e delle tecnologie similari, e in particolare alla registrazione di tali cookie sul suo terminale per le finalità sopra indicate, oppure all’accesso tramite i cookie ad informazioni sul suo terminale.