Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Top

Transizione, deglobalizzazione, digitale: il futuro secondo BlackRock

BlackRock

Transizione, deglobalizzazione, digitale: il futuro secondo BlackRock

Il 24 marzo scorso Larry Fink, amministratore delegato del colosso finanziario BlackRock, ha pubblicato una lettera aperta a investitori e azionisti per mostrare la sua personale idea di mondo per l’era aperta dal conflitto ucraino. BlackRock maneggia 10 trilioni di dollari in asset ed è capace di determinare con le sue scelte la condotta di molti investitori in tutto il mondo. Fink non è nuovo a questi esercizi di futurologia: a febbraio, in un messaggio intitolato “The Power of Capitalism”, sottolineò che transizione green, svolte economiche e altri piani di discontinuità avevano senso solo se capaci di portare profitto. Ora nella sua nuova lettera Fink dice che l’era per la profittabilità di questi settori è vicina e accelerata dalla crisi russo-ucraina, che avrebbe posto inizio all’era della “de-globalizzazione”. Abbiamo voluto tradurre la parte più importante e centrale del lungo messaggio di Fink.

Larry Fink’s Chairman’s Letter to Shareholders | BlackRock – Qui il testo originale

Implicazioni dell’invasione russa dell’Ucraina per aziende, paesi e clienti

Il denaro che gestiamo appartiene ai nostri clienti. E per servirli, lavoriamo per capire in che modo i cambiamenti in tutto il mondo influiranno sui loro risultati di investimento.

Il denaro che gestiamo appartiene ai nostri clienti. E per servirli, lavoriamo per capire in che modo i cambiamenti in tutto il mondo influiranno sui loro risultati di investimento. BlackRock è in grado di offrire servizi ai nostri clienti durante questi periodi di volatilità grazie all’enfasi che diamo alla resilienza. Abbiamo costruito sia una piattaforma di investimento che una strategia aziendale resilienti di fronte all’incertezza. E la resilienza è molto più che resistere a uno shock improvviso dei mercati: significa anche comprendere e affrontare i cambiamenti strutturali a lungo termine, incluso ciò che la deglobalizzazione, l’inflazione e la transizione energetica significano per le aziende, le valutazioni e i portafogli dei nostri clienti.

L’aggressione della Russia in Ucraina e il suo successivo disaccoppiamento dall’economia globale spingeranno le aziende e i governi di tutto il mondo a rivalutare le loro dipendenze e ad analizzare nuovamente le loro catene di produzione e assemblaggio, qualcosa che il Covid aveva già spronato molti a iniziare a fare.

E mentre la dipendenza dall’energia russa è sotto i riflettori, le aziende e i governi guarderanno anche in modo più ampio alle loro dipendenze da altre nazioni. Ciò potrebbe portare le aziende a effettuare più operazioni onshore o nearshore, con un conseguente ritiro più rapido da alcuni paesi. Altri, come Messico, Brasile, Stati Uniti o centri di produzione nel sud-est asiatico, potrebbero trarne vantaggio. Questo disaccoppiamento creerà inevitabilmente sfide per le aziende, inclusi costi più elevati e pressioni sui margini. Sebbene i bilanci delle aziende e dei consumatori siano oggi solidi, offrendo loro più di un cuscino per superare queste difficoltà, un riorientamento su larga scala delle catene di approvvigionamento sarà intrinsecamente inflazionistico.

Anche prima dello scoppio della guerra, gli effetti economici della pandemia – compreso lo spostamento della domanda dei consumatori dai servizi ai beni per la casa, la carenza di manodopera e le strozzature della catena di approvvigionamento – hanno portato l’inflazione negli Stati Uniti al livello più alto degli ultimi quarant’anni. Nell’Unione Europea, in Canada e nel Regno Unito, l’inflazione è superiore al 5%. I salari non hanno tenuto il passo e i consumatori ne sentono l’onere poiché devono far fronte a salari reali più bassi, bollette energetiche in aumento e costi più elevati alla cassa del negozio di alimentari. Ciò è particolarmente vero per i lavoratori a basso salario che spendono una parte maggiore del loro salario per beni essenziali come gas, elettricità e cibo.

Le banche centrali stanno valutando decisioni difficili su quanto velocemente aumentare i tassi. Si trovano ad affrontare un dilemma che non affrontano da decenni, aggravato dal conflitto geopolitico e dai conseguenti shock energetici. Le banche centrali devono scegliere se vivere con un’inflazione più alta o rallentare l’attività economica e l’occupazione per abbassare rapidamente l’inflazione.

Infine, un aspetto meno discusso della guerra è il suo potenziale impatto sull’accelerazione delle valute digitali. La guerra spingerà i paesi a rivalutare le loro dipendenze valutarie. Già prima della guerra, diversi governi stavano cercando di svolgere un ruolo più attivo nelle valute digitali e definire i quadri normativi in ​​base ai quali operano. La banca centrale statunitense, ad esempio, ha recentemente lanciato uno studio per esaminare le potenziali implicazioni di un dollaro digitale statunitense. Un sistema di pagamento digitale globale, progettato con cura, può migliorare il regolamento delle transazioni internazionali riducendo il rischio di riciclaggio di denaro e corruzione. Le valute digitali possono anche aiutare a ridurre i costi dei pagamenti transfrontalieri, ad esempio quando i lavoratori espatriati restituiscono i guadagni alle loro famiglie. Poiché vediamo un crescente interesse da parte dei nostri clienti, BlackRock sta studiando valute digitali, stablecoin e le tecnologie sottostanti per capire come possono aiutarci a servire i nostri clienti.

Gli effetti sul mercato energetico oggi e cosa significa per la transizione netta zero

Man mano che le aziende ricalibrano le loro catene di approvvigionamento globali e man mano che gli alleati occidentali riducono la loro dipendenza dalle materie prime russe, il settore energetico subirà un impatto significativo. I consumatori si trovano ad affrontare costi energetici più elevati poiché abbiamo visto il prezzo del petrolio superare i $ 100 al barile all’inizio di quest’anno per la prima volta dal 2014. Di conseguenza, la sicurezza energetica è entrata a far parte della transizione energetica come una delle massime priorità globali.

Come ho scritto nella mia lettera agli amministratori delegati negli ultimi tre anni, la transizione energetica può funzionare solo se è equa e giusta. È importante sottolineare che non si verificherà durante la notte o in linea retta. Ci richiede di spostare il mix energetico dal marrone al marrone chiaro al verde chiaro al verde.

In risposta allo shock energetico causato dalla guerra in Ucraina, molti paesi sono alla ricerca di nuove fonti di energia. Negli Stati Uniti gran parte dell’attenzione è rivolta all’aumento della fornitura di petrolio e gas, e in Europa e in Asia, il consumo di carbone potrebbe aumentare nel corso del prossimo anno. Ciò rallenterà inevitabilmente il progresso mondiale verso lo zero netto nel breve termine.

A lungo termine, credo che gli eventi recenti accelereranno effettivamente il passaggio a fonti di energia più ecologiche in molte parti del mondo. Durante la pandemia, abbiamo visto come una crisi può fungere da catalizzatore per l’innovazione. Aziende, governi e scienziati si sono uniti per sviluppare e distribuire vaccini su larga scala in tempi record.

Abbiamo già visto i responsabili politici europei promuovere gli investimenti nelle energie rinnovabili come una componente importante della sicurezza energetica. La Germania, ad esempio, prevede di accelerare l’uso delle energie rinnovabili e raggiungere il 100% di energia pulita entro il 2035, 15 anni prima del suo precedente obiettivo prebellico. Più che mai, i paesi che non dispongono di proprie fonti di energia dovranno finanziarle e svilupparle, il che per molti significherà investire nell’energia eolica e solare.

L’aumento dei prezzi dell’energia ridurrà anche significativamente il premio verde per le tecnologie pulite e consentirà alle energie rinnovabili, ai veicoli elettrici e ad altre tecnologie pulite di essere molto più competitive dal punto di vista economico. Tuttavia, i prezzi dell’energia a questo livello stanno anche imponendo un terribile onere a coloro che meno possono permetterselo. Non avremo una transizione energetica equa e giusta se rimarranno a questi livelli.

Ad oggi, la pianificazione dei governi si è concentrata solo sull’offerta senza affrontare la domanda. Abbiamo bisogno che le politiche pubbliche adottino un approccio più olistico e a lungo termine al fabbisogno energetico mondiale. Tra le altre sfide, con l’aumento della domanda di fonti di energia rinnovabili e dell’uso di tecnologie pulite, dobbiamo considerare cosa questo significhi per le materie prime sottostanti da cui dipendono queste fonti di energia e tecnologia verdi. Dovremo anche accelerare gli investimenti nelle infrastrutture per sostenere un maggiore uso di energia e tecnologia pulite. Ad esempio, con l’accelerazione della domanda dei consumatori di veicoli elettrici, il settore pubblico e quello privato dovranno collaborare per costruire più stazioni di ricarica per soddisfare la domanda.

BlackRock si impegna ad aiutare i clienti a navigare nella transizione energetica. Ciò include continuare a lavorare con le società di idrocarburi che svolgono oggi un ruolo essenziale nell’economia e che lo faranno in qualsiasi transizione di successo. Per garantire la continuità dei prezzi dell’energia accessibili durante la transizione, i combustibili fossili come il gas naturale saranno importanti come combustibile di transizione. Gli investimenti di BlackRock, incluso uno alla fine dell’anno scorso, per conto dei nostri clienti nei gasdotti in Medio Oriente sono un ottimo esempio di come aiutare i paesi a passare dal marrone scuro al marrone più chiaro poiché queste nazioni del Golfo utilizzano meno petrolio per la produzione di energia e lo sostituiscono con un combustibile base più pulito come il gas naturale.

Nel passaggio allo zero netto dovremo passare da molte sfumature di marrone a sfumature di verde. Rimango ottimista per il futuro e continuo a credere che le nostre azioni collettive oggi possano fare una differenza significativa negli anni a venire.

Una visione a lungo termine della nostra attività

Passando alla performance di BlackRock nell’ultimo anno, è importante inserirla nel contesto della nostra storia generale. È facile dimenticare che BlackRock è ancora un’azienda relativamente giovane.

Ogni giorno dalla nostra fondazione, abbiamo ascoltato i nostri clienti. Abbiamo cercato di anticipare l’impatto delle tendenze a lungo termine e dello sviluppo macro sui loro portafogli. E ci siamo costantemente evoluti per stare al passo con le loro esigenze.

Quando io e i miei partner abbiamo fondato BlackRock 34 anni fa, credevamo in un nuovo approccio alla gestione patrimoniale: basato su una solida gestione del rischio e guidato dalle esigenze dei clienti. E ogni giorno dalla nostra fondazione, abbiamo ascoltato i nostri clienti. Abbiamo cercato di anticipare l’impatto delle tendenze a lungo termine e degli sviluppi macro sui loro portafogli. E ci siamo costantemente evoluti per stare al passo con le loro esigenze.

Nel nostro sforzo di servire meglio i nostri clienti, abbiamo continuamente rifatto BlackRock e, così facendo, abbiamo sconvolto il settore. Lo abbiamo fatto costruendo e migliorando Aladdin come base del nostro processo di investimento. Lo abbiamo fatto combinando attivo e indice su un’unica piattaforma in un momento in cui molti credevano che un’azienda dovesse scegliere l’una o l’altra, anche se i nostri clienti volevano entrambe. Lo abbiamo fatto riunendo le capacità dei mercati pubblici e privati ​​e fornendo ai nostri clienti un approccio completo e globale.

I clienti di BlackRock sono investitori a lungo termine – che rappresentano pensioni, assicurazioni, governi e, in definitiva, singoli risparmiatori – e adottiamo un approccio a lungo termine per investire nella nostra attività. Man mano che sempre più clienti si rivolgono a BlackRock e siamo cresciuti nel tempo, siamo stati in grado di effettuare investimenti strategici, innovare e migliorare il valore che offriamo loro. Rimaniamo impegnati nel nostro scopo e nei nostri principi come lo eravamo nel 1988. Ecco perché ci concentriamo sul fornire più scelta sulla nostra piattaforma, consentendo l’accesso alla crescita dei mercati dei capitali a più persone e continuando a utilizzare la nostra piattaforma a beneficio di tutti dei nostri stakeholder.

Fornire più scelta sulla nostra piattaforma

C’erano molte persone che avevano dubbi su quelle che sono state le nostre acquisizioni trasformative di Merrill Lynch Investment Managers e Barclays Global Investors negli anni 2000. Queste transazioni ci hanno permesso di raggiungere un maggior numero di clienti in tutto il mondo e di creare intere soluzioni di portafoglio per i nostri clienti offrendo diversificazione tra classi di attività, tra cui azioni, reddito fisso, alternative e liquidità, nonché attivi e indici sotto lo stesso tetto. E tutte queste classi di attività e strategie sono state riunite anche su un’unica piattaforma tecnologica, Aladdin.

Oggi, continuiamo a essere incredibilmente concentrati sul servire i nostri clienti non semplicemente vendendo una strategia di investimento o un’altra, ma esaminando l’intero portafoglio e aiutandoli a identificare le strategie che si adattano alle loro preferenze e obiettivi unici. Ciò include offrire ai clienti una scelta più ampia su come desiderano collaborare con BlackRock, dall’utilizzo di uno dei nostri ETF all’esternalizzazione dell’intero portafoglio di investimenti a noi. Siamo in grado di fornire questo livello di scelta ai clienti perché abbiamo investito nella nostra piattaforma nel tempo e ci siamo radunati attorno a una cultura One BlackRock che scoraggia le guerre per il territorio e premia la collaborazione tra i team in modo da rimanere tutti concentrati su ciò che è meglio per il cliente.

Tale impegno si estende al modo in cui pensiamo di evolvere per il futuro, incluso il nostro lavoro per espandere le opzioni dei clienti su come partecipano alle decisioni di voto per delega. Proprio come l’asset allocation e la costruzione del portafoglio, in cui alcuni clienti assumono un ruolo attivo mentre altri affidano a noi queste decisioni, clienti diversi sono interessati a diversi livelli di coinvolgimento quando si tratta di votare per delega. Dopo aver parlato con i nostri clienti, abbiamo utilizzato la nuova tecnologia e altre innovazioni per offrire la scelta del voto per delega. Questo è ora disponibile per i clienti istituzionali che rappresentano poco più di 2 trilioni di dollari in asset azionari indicizzati, compresi i fondi pensione pubblici che servono oltre 60 milioni di persone. Consideriamo questo solo un primo passo. La nostra ambizione nel tempo è continuare a sviluppare nuove tecnologie e lavorare con i partner del settore per ampliare la scelta di voto per un numero ancora maggiore di clienti.

La maggior parte dei nostri clienti sta investendo per finanziare la pensione. Le persone che servono sono insegnanti, infermieri, vigili del fuoco e operai che stanno salvando per il loro futuro. Poiché le persone vivono una vita più lunga e più sana, il rischio di sopravvivere ai propri risparmi sta accelerando la “crisi silenziosa” dell’insicurezza finanziaria in pensione. Ecco perché BlackRock sta lavorando a fianco dei nostri clienti e partner per affrontare il reddito in pensione. Negli Stati Uniti, nel 2021 abbiamo condiviso che la nostra soluzione di reddito pensionistico, LifePath Paycheck, era stata adottata dagli sponsor del piano. Oggi, sei grandi sponsor di piani i cui piani insieme rappresentano oltre 10 miliardi di dollari in investimenti per la data target e più di 150.000 partecipanti, hanno scelto di collaborare con BlackRock per implementare la nostra soluzione LifePath Paycheck come opzione di investimento predefinita nei piani pensionistici dei loro dipendenti statunitensi, soggetta a approvazioni e condizioni necessarie. Rimaniamo impegnati ad aiutare più persone a sperimentare il benessere finanziario in pensione.

Post a Comment


доступен плагин ATs Privacy Policy ©

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito fa uso di cookie, file di testo che vengono registrati sul terminale dell’utente oppure che consentono l’accesso ad informazioni sul terminale dell’utente. I cookie permettono di conservare informazioni sulle preferenze dei visitatori, sono utilizzati al fine di verificare il corretto funzionamento del sito e di migliorarne le funzionalità personalizzando il contenuto delle pagine in base al tipo del browser utilizzato, oppure per semplificarne la navigazione automatizzando le procedure ed infine per l’analisi dell’uso del sito da parte dei visitatori. Accettando i cookie oppure navigando il sito, il visitatore acconsente espressamente all’uso dei cookie e delle tecnologie similari, e in particolare alla registrazione di tali cookie sul suo terminale per le finalità sopra indicate, oppure all’accesso tramite i cookie ad informazioni sul suo terminale.