Top

“Axeinos!” – Storia e geopolitica del Mar Nero

“Axeinos!” – Storia e geopolitica del Mar Nero

Ospitiamo oggi la prima recensione ad opera del nostro Bibliotecario di Babele, che ci guiderà da qui in avanti, come il suo alter ego di un immortale racconto di Jorge Luis Borges, nel mondo della lettura, attraverso opere contemporanee o del passato fondamentali per capire l’era presente. Partiremo con “Axeinos!“, il saggio sulla geopolitica del Mar Nero scritto da Mirko Mussetti, che l’Osservatorio presenterà a Milano il prossimo 1 giugno.

Un tempo Axeinos (“inospitale”), in seguito Euxeinos (“ospitale”): l’evoluzione, prodottasi al seguito della crescente conoscenza nei suoi confronti, del nome con cui gli antichi Greci si riferivano al Mar Nero ne testimonia la mutevolezza. Mutevolezza che è ottimamente colta da Mirko Mussetti, giovane analista geopolitico e geostrategico attivo principalmente su Limes, nel suo Axeinos – Geopolitica del Mar Nero” (goWare, 2018), saggio breve e denso in cui è descritta la rilevanza di questo fondamentale specchio d’acqua e delle regioni ad esso contigue per gli equilibri europei.

Musetti padroneggia con dovizia sia il versante storico dell’analisi che la caratterizzazione degli equilibri geopolitici di una regione cruciale e, a suo modo, unica: il Mar Nero è infatti regione peculiare in Europa per eterogeneità delle tradizioni storiche, delle priorità strategiche e delle connotazioni demografiche e religiose dei popoli e degli Stati che insistono sulle sue sponde. Dalla Russia alla Turchia, passando per la Romania e l’Ucraina, l’eterogeneità regna sovrana. Prima linea del fronte tra Nato e Russia, crocevia di interessi energetici, commerciali e militari, vicino all’unico teatro di battaglia dell’Europa contemporanea (in Ucraina), il Mar Nero è animato da interessi di natura continuamente mutevole e sulle sue acque anche le alleanze hanno geometria variabile. Assieme a Mussetti si scoprono le mosse della Russia di Vladimir Putin, che scalpita per l’accesso ai “mari caldi” o per tutelare i suoi interessi in Ucraina e Moldavia, le dinamiche che agitano la “repubblica fantasma” di Transnistria, le acrobazie geopolitiche della Turchia di Erdogan e i suoi menage tra Mosca e Kiev, il sogno rumeno di ricongiungere alla madrepatria la Moldavia, completando una nuova Unirea, mascherato con la solida retorica europeista ed atlantista.

Il Ponto Eusino è regione calda. Perchè assieme ai Balcani rappresenta l’epicentro di conflitti e tensioni, un’area che produce più storia di quanta ne riesca a digerire. Perchè porta sull’Asia Minore, sul Caucaso, su una regione che nel lungo periodo la connettività geostrategica della “Nuova Via della Seta” a trazione cinese è pronta a assimilare. Mussetti invita a volgere lo sguardo a Est e invita anche l’Italia a pensare come l’interesse nazionale di Roma abbia delle componenti non indifferenti da difendere nella regione: al necessario superamento delle sanzioni a Mosca si aggiungono il dovere di ridefinire i rapporti con una Turchia sempre più in concorrenza con Roma, principalmente per motivi energetici, e di tenere d’occhio la Romania. Paese che vanta un’ascendenza latina e legami con l’Italia legati alla sua importante diaspora e può rappresentare un’importante meta per gli investimenti produttivi (energia, infrastrutture, logistica). Un Paese marittimo come l’Italia, del resto, non può permettersi di distrarre lo sguardo da una componente essenziale del “Mediterraneo allargato” quale il Mar Nero: e conoscerne le dinamiche è il punto di partenza cruciale per influire positivamente su di esse.

"La biblioteca è illimitata e periodica. Se un eterno viaggiatore l'attraversasse in qualunque direzione, verificherebbe alla fine dei secoli che gli stessi volumi si ripetono nello stesso disordine (che, ripetuto, sarebbe un ordine: l'Ordine)" - Jorge Luis Borges

Post a Comment

 необходимо принять правила конфиденциальности

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito fa uso di cookie, file di testo che vengono registrati sul terminale dell’utente oppure che consentono l’accesso ad informazioni sul terminale dell’utente. I cookie permettono di conservare informazioni sulle preferenze dei visitatori, sono utilizzati al fine di verificare il corretto funzionamento del sito e di migliorarne le funzionalità personalizzando il contenuto delle pagine in base al tipo del browser utilizzato, oppure per semplificarne la navigazione automatizzando le procedure ed infine per l’analisi dell’uso del sito da parte dei visitatori. Accettando i cookie oppure navigando il sito, il visitatore acconsente espressamente all’uso dei cookie e delle tecnologie similari, e in particolare alla registrazione di tali cookie sul suo terminale per le finalità sopra indicate, oppure all’accesso tramite i cookie ad informazioni sul suo terminale.