Top

Foro internazionale su geopolitica e vaccini a Casa Rosada: breve rassegna

  /  Osservatorio Globalizzazione   /  Foro internazionale su geopolitica e vaccini a Casa Rosada: breve rassegna

Foro internazionale su geopolitica e vaccini a Casa Rosada: breve rassegna

L’8 giugno si è tenuto presso il museo Bicentenario- in Casa Rosada, Buenos Aires – il Foro Internazionale su “Geopolitica dei vaccini”.

C’è stato un maggiore consenso tra i partecipant sanitari affermati, scienziati, studiosi e decisori pubblici i: c’è un obbligo morale e pragmatico di condividere vaccini.

Il acaparamiento de vaccini contro il Covid-19 da parte dei paesi più sviluppati, la sfida urgente di migliorare la distribuzione dei vaccini, la necessità di raggiungere questo obiettivo che ha il potenziale per rilanciare la ripresa globale dell’economia sono stati alcuni dei temi principali dei relatori di l’evento che si è tenuto al museo del bicentenario, evento che ha visto la partecipazione di massimi esperti internazionali (alcuni in videoconferenza).

 L’evento era un’attività organizzata dal Consiglio economico e sociale, un recente consiglio consultivo multisettoriale il suo presidente Gustavo Beliz – Segretario degli Affari Strategici dell’Argentina- ha realizzato il discorso di apertura dell’evento con le seguenti dichiarazioni:

  • In guerra i primi obiettivi sono i ponti

E ha anche sottolineato che per questo non è possibile “permettere alla salute universale e alla salute dell’Argentina di diventare una guerra in cui si abbattono i ponti“.

In questo senso, Beliz ha rimarcato che “la giustizia sociale sanitaria è il concetto di base che ci incoraggia a convocare questo panel, e ciò che ci incoraggia è lo spirito di costruire ponti“.

Beliz ha anche evidenziato la diversità della chiamata con la partecipazione di rappresentanti di diversi settori sociali come imprese, accademici e scienziati e funzionari pubblici di diversi paesi. A questo proposito, ha affermato che l’evento ha seguito le linee guida del governo argentino di avere una diplomazia “senza confini ideologici“.

La eminente economista Mariana Mazzucato proseguito con l’evento. Mazzucato è professore all’University London College e direttore del suo Istituto di Innovazione e Scopo Pubblico (ed è anche consigliere del Consiglio economico e sociale argentino) con la presentazione: “la sfida di un vaccino universale” in cui sosteneva che è essenziale cambiare l’attuale contratto sociale tra industria, università e governi, affinché il Bene Comune diventino non solo correzioni ai fallimenti del mercato, ma un vero obiettivo ontologico, e ha concluso la sua partecipazione rimarcando la sua speranza che il vaccino contro il Covid-19 possa essere una svolta storica per esercitare il capitalismo in modo diverso.

Il foro internazionale è proseguito con la tavola rotonda: “Egualitaria distribuzione globale dei vaccini”:

Richard Hatchett CEO di CEPI (Coalizione per le innovazioni sulla preparazione alle epidemie) Ha affermato che la vaccinazione a livello internazionale non è solo una questione morale, ma anche pragmatica: non si tratta solo dei decessi causati dal virus, ma anche del persistere del turbamento economico nonché della comparsa di nuove varianti virali. Infine, ha evidenziato il promettente impulso positivo per quanto riguarda la vaccinazione globale nelle istanze del G-7 e del G-20.                                               

 Santiago Cornejo direttore di GAVI (Alleanza globale per la vaccinazione) proposto uno schema di approccio globale per affrontare l’attuale pandemia così come quelli del futuro che comporterebbe: la presenza di meccanismi multilaterali permanenti (nello stile di COVAX) per il coordinamento delle azioni globali, la riforma dei diritti di proprietà intellettuale che facilitano il trasferimento di tecnologia e know-how, meccanismi di finanziamento che consentono di promuovere la R&S a livello locale per rafforzare la capacità di produrre vaccini lateralmente.

Carissa Etienne Direttora dell’Organizzazione Panamericana della Sanità (PAHO) ha evidenziato la rilevanza dell’evento a livello regionale, soprattutto in un contesto globale in cui i paesi ad alto reddito hanno somministrato 67% volte più dosi rispetto ai paesi a basso reddito. Nel contesto delle carenze che la pandemia ha messo a nudo, soprattutto per quanto riguarda l’abbandono delle politiche di sviluppo scientifico e tecnologico negli ultimi anni nella regione, ha posto al primo posto l’equità come principio guida per guidare la risposta e le sfide dell’accesso vaccini e tecnologia medica in generale. Al fine di colmare il divario di disuguaglianza, Etienne ha dettagliato gli sforzi della PAHO per promuovere l’aumento della capacità di produzione di vaccini nelle Americhe e ha sostenuto il lavoro congiunto tra gli stati membri della PAHO come chiave per avanzare verso lo sviluppo, la produzione e l’accesso ai vaccini con equità.

La successiva tavola di discussione ha poi affrontato “l’implicazione delle licenze e la produzione di vaccini” il cui relatore principale è stato Antony Taubman, direttore della Proprietà intellettuale dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC), ha evidenziato che i brevetti “sono strumenti politici e dovrebbero essere subordinati agli interessi pubblici .” ha così sottolineato che uno degli argomenti principali dei grandi laboratori e dei paesi che rifiutano l’esenzione, si basa su una difesa dei brevetti come incentivo all’innovazione e alla produzione di vaccini. Taubman ha anche indicato che la revoca temporanea della proprietà intellettuale ” potrebbe aprire la strada a una vasta gamma di soluzioni” per combattere la pandemia, anche se ha chiarito che da sola non risolve la mancanza di immunizzanti e il loro attuale disuguale accesso.

Nel panel di dialogo su “Dialogo interministeriale, condivisione di dati e strategie sanitarie” la ministra della Salute dell’Argentina, Carla Vizzotti, e la consigliere presidenziale Cecilia Nicolini hanno dialogato con il ministro delle vaccinazioni del Regno Unito, Nadhim Zahawi. I relatori hanno sottolineato l’importanza delle iniziative di cooperazione tra i Paesi, soprattutto in relazione allo sviluppo, produzione e distribuzione di vaccini contro il COVID-19.

Vizzotti fatto un breve resoconto delle strategie sanitarie del ministero della salute pubblica argentino per l’attuale campagna di vaccinazione contro il Covid-19 e dei suoi esiti, ha inoltre affermato: “la stragrande maggioranza della popolazione argentina ha fiducia nel vaccino e stiamo lavorando per avvicinare la vaccinazione alla popolazione, in quello che costituisce un grande sforzo”.

Nel frattempo, Cecilia Nicolini ha reso conto delle capacità dell’Argentina di rispondere alla pandemia da vaccinazione con una strategia combinata che comprende la progettazione e lo sviluppo locale di vaccini, l’acquisizione (attraverso le importazioni) da accordi con diversi produttori. Tutto questo con modalità diverse nell’ottica di promuovere iniziative in grado di ampliare e garantire l’accesso ai vaccini ad altri paesi della regione.

Il presidente argentino, Alberto Fernández, ha tenuto il discorso finale dell’evento (per un videomessaggio registrato). Ha sottolineato l’importanza dell’evento e che la geopolitica dei vaccini: “scopre una mappa del potere mondiale afflitta da abusi, avidità e ingiustizie“, ma che “offre anche una strada verso la cooperazione“. E ha anche fatto riferimento al ruolo di primo piano dell’Argentina sulla capacità produttiva dei vaccini nella regione sudamericana: “Da questo disastro umanitario globale usciremo meglio solo se capiremo che la solidarietà non è un’opzione, ma un obbligo“, ha concluso il Capo dello Stato.

Politologo argentino classe 1991, originario della città di Corrientes, è laureato in Scienze Politiche. Dal 2015 fornisce consulenza a legislatori di diversi livelli di governo sugli affari internazionali; I suoi interessi principali sono la geostrategia e la teoria delle relazioni internazionali, più specificamente la politica estera argentina, l'integrazione regionale sudamericana e il suo rapporto con altri blocchi e le costanti sfide di un ordine internazionale in costante cambiamento. Scrive come analista per "Vision-Gt" e "Dossier Geopolitico".

Post a Comment


доступен плагин ATs Privacy Policy ©

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito fa uso di cookie, file di testo che vengono registrati sul terminale dell’utente oppure che consentono l’accesso ad informazioni sul terminale dell’utente. I cookie permettono di conservare informazioni sulle preferenze dei visitatori, sono utilizzati al fine di verificare il corretto funzionamento del sito e di migliorarne le funzionalità personalizzando il contenuto delle pagine in base al tipo del browser utilizzato, oppure per semplificarne la navigazione automatizzando le procedure ed infine per l’analisi dell’uso del sito da parte dei visitatori. Accettando i cookie oppure navigando il sito, il visitatore acconsente espressamente all’uso dei cookie e delle tecnologie similari, e in particolare alla registrazione di tali cookie sul suo terminale per le finalità sopra indicate, oppure all’accesso tramite i cookie ad informazioni sul suo terminale.