Top

La pandemia e la rinascita: quarantena, il tempo della riflessione.

La pandemia e la rinascita: quarantena, il tempo della riflessione.

Arriva sull’Osservatorio Globalizzazione il settimo capitolo del dossier “Coronavirus: sfide e scenari”, scritto dal critico cinematografico Attilio Sodi Russotto, che ci parlerà di come la nostra quarantena può trasformarsi in un occasione per vivere, piuttosto che sopravvivere. Bona lettura!

Viviamo un tempo terribile, poco c’è da aggiungere riguardo a questo. Un flagello invisibile, un orribile morbo si è abbattuto sulla nostra Italia e sulla nostra Europa, sulle nostre città, sulle nostre famiglie e sulla nostra routine, costringendoci, in ossequio alle vigenti disposizioni sanitarie per il contrasto al Covid-19, a rimanere chiusi nelle nostre case, in ansia per i nostri cari più deboli, che si tratti di nonni o figli piccoli. 

Distanti, ed inesorabilmente soli; una solitudine non solo spaziale (c’è chi è rimasto isolato dai propri cari, altri invece hanno la fortuna di essere riuniti in famiglia ad affrontare questa situazione), ma, prima di tutto, esistenziale. Ci si sente come topi sperduti, chiusi fra le mura domestiche, senza sapere quando finirà e come finirà l’emergenza; ci si trova, per calmare l’angoscia, a compulsare nervosamente televisori e radio, internet e social network, nella speranza di trovarvi il dato positivo, il segnale ambito, l’auspicata traccia di una fine ormai imminente del dramma e di un ritorno alla normalità. 

E’ del tutto comprensibile, in dati frangenti, trovarsi a passare molto tempo alle prese con i mezzi virtuali; io stesso scorro ben più del solito il mio profilo Facebook, lo ammetto. Ciò che non è ammissibile è invece dimenticare la nostra natura di esseri umani, dotati di natura senziente, e lasciarsi dominare da quei mezzi che invece saremmo noi stessi a dover dominare. Come detto, la pestilenza ha colpito la nostra routine, il nostro vorticoso quotidiano fatto di incessanti impegni, di corse, di traffico e di rapporti umani che pur affastellandosi in modo caotico, sovente rimangono superficiali. Ci troviamo di colpo costretti ad una stasi forzata, ad una quiete imposta, a degli arresti domiciliari in assenza di reato, e questo ci sconvolge, ci turba, ci destabilizza, perché va ad intaccare una forma mentale che ormai si era inserita in automatico nel nostro modo di affrontare le cose. 

L’Arte, tengo alla maiuscola, è la mia vita.  Lo è come campo di lavoro e di studio, ma lo è soprattutto come disposizione d’animo verso il Bello, ancora con la maiuscola, e verso ciò che è alto ed ineffabile. Questa quarantena può costituire, come per me lo fu un’altra stasi forzata ormai molti anni orsono, un’inaspettata occasione per leggere il nostro cuore, ripensare sé stessi, e riportare alla luce una tensione interiore che una vita spesso troppo rumorosa ha sommerso. 

Prendete il vostro IPod, contenente la vostra playlist di canzoni pop, e riponetelo nel cassetto; non vi servirà per un po’. Entrate invece nella quiete della vostra camera, aprite YouTube o inserite il CD nello stereo, e fate partire quel brano di sinfonia o di opera che magari avete udito in una pubblicità o in una colonna sonora, e poi il successivo e quello dopo ancora. Non ascoltatelo come semplici consumatori di musica, ma lasciate la vostra anima liberare la propria ricettività; fatevi condurre dalla Johannespassion, dal Lohengrin o dal Requiem in Re minore verso una Bellezza beata, inebriandovi di ogni nota che si libra leggera nel silenzio. 

Allo stesso modo sfruttate quanto di sublime la Settima Arte può offrirvi. Lo strapotere di Netflix e di Amazon Prime ha anche nel cinema instaurato un’idea pervasiva di consumo, sublimata in negativo dall’invasione di miriadi di serie tv, conformiste nei contenuti e discutibili nella qualità tecnica, che utenti abituati all’insignificanza sono soliti consumare durante le notti di insonnia o la mattina, facendo colazione. E’ la vostra occasione, il cinema d’autore è lì a tendervi le braccia. Quel film di due ore e mezzo che non avete mai avuto tempo di vedere, quell’autore d’essai, quel capolavoro dal sapore antico: premete il tasto play, non abbiate paura. Von Trier e Lanthimos, Dreyer e Bergman, Herzog, Kitano e Kim Ki-duk saranno lì a lasciarvi suggestioni visive, immagini potenti, emozioni indimenticabili che vi porterete nel cuore e che mai più vi abbandoneranno. In generale, usate questa sosta obbligata per apprezzare il valore del silenzio e per migliorare il vostro gusto. Alzate l’asticella, chiedete di più da voi stessi, scegliete letture più complesse ed impegnative. Seguite con la vostra immaginazione il mito faustiano, la tuba di Thomas Buddenbrook rotolare nel fango, pensate a quel lampo di indicibile vergogna nell’ultimo refolo vitale di Josek K. (“Wie ein Hund!”), al padiglione d’oro arso da fiamme terribili appiccate dal Mizoguchi di Mishima. Intrattenetevi con eroi e santi, ninfe del bosco ed antichi Dei, guerrieri e uomini comuni, apprezzate le figure retoriche, il valore della parola, il potere della metafora. Riscoprite la poesia, contemplate, meditate, riflettete. 

State bene attenti, però. Se avrete seguito il mio consiglio, e vi sarete riavvicinati all’Arte, non permettete che questa diventi per voi soltanto un rinomato pezzo d’argenteria da mostrare alle amiche all’ora del tè. L’Arte sia per voi motore di cambiamento interiore, di rinascita, di elevazione, in ogni aspetto della vostra esistenza. Non lasciatevi andare in questo tempo di quarantena, curate il vostro aspetto e la vostra igiene. Temprate il vostro fisico con un esercizio costante e commisurato alla vostra persona. Preparate quel piatto tipico, quella pietanza della tradizione da gustare lentamente, cosa che raramente avete potuto nella vostra perpetua rincorsa di qualcosa, e fatelo insieme a del buon vino o a un ottimo whiskey. Nel caso vi troviate insieme in questo periodo, riscoprite una sessualità romantica, passionale, un erotismo vero con il vostro uomo o la vostra donna, cogliendo l’occasione per abbandonare per sempre il solipsismo e l’onanistico consumo di pornografia. Parlate ai vostri nonni, che forse un domani non avrete più tempo per abbeveravi alla loro saggezza; guardate negli occhi i vostri figli, e vi scorgerete la vostra stessa anima. 

In poche parole: spegnete il rumore, migliorate voi stessi, usate questa pausa per divenire, permanentemente, persone nuove. Sopravvivere non è vivere. Vivete. 

  1. “Una concezione adattiva della Storia” di Pierluigi Fagan.
  2. “La Chiesa contro il coronavirus: il mondo sulle spalle di Francesco” di Emanuel Pietrobon.
  3. “Che ne sarà di noi?” di Gustavo Boni.
  4. Dai campioni nazionali al golden power: le prospettive della tutela del sistema-Paese”, conversazione con Alessandro Aresu.
  5. “Le rotte della “Via dela seta della salute” di Diego Angelo Bertozzi.
  6. “Coronavirus e sorveglianza” di Vittorio Ray.
  7. “La pandemia e la rinascita” di Attilio Sodi Russotto.
  8. “Coronavirus in Africa: verso la tempesta perfetta?” di Gaetano Magno.
  9. “Il Medio Oriente e la minaccia del Covid-19” di Marco Giaconi.
  10. “Usa e coronavirus: tra ritorno di Keynes e sfida con la Cina” di Stefano Graziosi.
  11. “L’Europa alla prova della storia” di Gabriele Ciancitto.
  12. L’emergenza Covid-19 e la questione delle fake news” di Salvatore Santoru.
  13. Il crocevia della globalizzazione: quale mondo dopo il coronavirus?” di Andrea Muratore.
  14. “Il vaccino per il paziente economico” di Verdiana Garau.



Attilio Sodi Russotto, nato a Firenze ma residente nel pratese, laureato magna cum laude in Scienze Politiche presso l'Ateneo fiorentino. Da sempre appassionato fedele della Settima Arte, come cinefilo e come collezionista, mi occupo professionalmente di critica cinematografica, organizzando da freelance rassegne, cineforum ed eventi presso numerosi circoli ed associazioni private toscane, in attesa di conseguire la seconda laurea in Discipline della Arti, della Musica e dello Spettacolo.

Post a Comment


доступен плагин ATs Privacy Policy ©

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito fa uso di cookie, file di testo che vengono registrati sul terminale dell’utente oppure che consentono l’accesso ad informazioni sul terminale dell’utente. I cookie permettono di conservare informazioni sulle preferenze dei visitatori, sono utilizzati al fine di verificare il corretto funzionamento del sito e di migliorarne le funzionalità personalizzando il contenuto delle pagine in base al tipo del browser utilizzato, oppure per semplificarne la navigazione automatizzando le procedure ed infine per l’analisi dell’uso del sito da parte dei visitatori. Accettando i cookie oppure navigando il sito, il visitatore acconsente espressamente all’uso dei cookie e delle tecnologie similari, e in particolare alla registrazione di tali cookie sul suo terminale per le finalità sopra indicate, oppure all’accesso tramite i cookie ad informazioni sul suo terminale.