Top

Ascesa e declino dell’Alt Right – Il neo-nazionalismo bianco

Ascesa e declino dell’Alt Right – Il neo-nazionalismo bianco

Salvatore Santoru ci presenta oggi la prima parte di un lavoro sull’Alt Right statunitense, dedicata all’ascesa del “neo-nazionalismo” bianco negli Usa. Buona lettura!

L’ascesa di Donald Trump è stata, a detta di numerosi analisti ed opinionisti, sostenuta e foraggiata dalla vasta area della cosiddetta ‘alt right'(1). La visibilità della ‘destra alternativa’ statunitense è diventata particolarmente forte nel 2016, l’anno in cui lo stesso tycoon ha vinto le elezioni presidenziali(2).

Durante quell’anno, i mass media e il mondo della politica nordamericana hanno cominciato ad interessarsi del fenomeno e, ad agosto, la candidata democratica Hillary Clinton aveva insinuato che la campagna presidenziale di Trump avesse avuto dei legami con l’alt right(3).

Tale discorso della Clinton ha contribuito al rendere ‘mainstream‘ la discussione politica e giornalistica sulla ‘destra alternativa’ e sulle sue, reali o presunte, vicinanze all’area ‘trumpista’ o allo stesso magnate newyorkese.

L’origine dell’alternative right

L’avanzata e la conseguente vittoria presidenziale di Trump sono coincise con l’ascesa, sopratutto mediatica, dell’alt right nel panorama politico degli States e dell’Occidente in generale. Il 2016 si può considerare, per diversi aspetti, come l’anno di ‘maturazione’ nell’ambito del percorso della ‘destra alternativa’, un percorso iniziato ufficialmente nel 2008.

Difatti, proprio in quel periodo venne ‘coniato’ il termine “alternative right” e ciò allo scopo di descrivere la nascita di una ‘nuova destra’ ostile nei confronti del conservatorismo mainstream tipico dell’era Bush. Entrando nello specifico, il termine venne diffuso dall’editorialista e storico Paul Gottfried ed era utilizzato per descrivere l’orientamento ideologico portato avanti dall’organizzazione H.L.Mencken Club, da lui presieduta(4).

In seguito tale termine ebbe una relativa fama negli ambienti della destra paleoconservatrice, da cui lo stesso Gottfried proviene.

Richard Spencer e la ‘prima ondata’ dell’alt right

Il termine ‘alternative right’ divenne particolarmente diffuso sul web grazie a degli articoli pubblicati sul sito della rivista online ‘Taki’s Magazine’, fondata dallo scrittore e giornalista Taki Theodoracopulos e legata ideologicamente agli ambienti della destra libertarian e paleoconservatrice. Per essere più specifici, all’epoca l’amministratore delegato della rivista era diventato un giovane attivista paleocon, Richard Spencer(5).

Proprio sotto la direzione di Spencer, la stessa webzine virò dal tradizionale paleoconservatorismo al nazionalismo bianco.
Sempre allo stesso Spencer è dovuta la paternità dell’abbreviazione “alt right”, termine che divenne una sorta di ‘brand’ per diversi attivisti di destra e destra radicale critici della politica del Partito Repubblicano e delle posizioni ufficiali del moderno movimento conservatore statunitense.

In breve tempo si creò una vera e propria sottocultura online che pose le basi per la “prima ondata” dell’alt right e che ebbe in Spencer, fondatore anche del blog ‘Alternative Right’ (rinominato “Affirmative Right” e ora non più aggiornato da anni), il suo principale ideologo(6).
Alternative Right, insieme ad altri siti e blog simili, divenne uno dei principali ‘strumenti di irradiazione’ delle idee veicolate e sostenute dagli alt-righters.

L’apertura al nazionalismo bianco e la ‘sconfessione’ di Gottfried

Tali idee andarono a formare una sorta di “corpus dottrinale” basato sull’intersezione di determinate tematiche care ad alcuni circoli della destra radicale occidentale, come l’opposizione all’immigrazione, il nazionalismo etnico e un certo neo-tradizionalismo.

Andando maggiormente nei particolari, impostazioni ideologiche di stampo libertarian o riconducibili alla ‘Old Right’ vennero sintetizzate, e allo stesso tempo, utilizzate anche come veicolo per la diffusione di temi legati tradizionalmente alla ‘radical right’ e all’estrema destra europea e/o statunitense, anche di quella ‘nostalgica’ del Terzo Reich o di matrice ‘razzialista’ se non proprio razzista.

Tale slittamento della ‘destra alternativa’ nel campo del nazionalismo bianco, così come l’apertura al neonazismo e al suprematismo, non piacque a Gottfried, il quale è d’altronde di origine ebraica(7).
Inoltre, bisogna anche ricordare che Spencer, prima di essere assunto a Taki’s Magazine, era stato licenziato per le sue idee considerate troppo estremiste da ‘The American Conservative’, una delle più conosciute riviste della destra statunitense di stampo non-interventista(8).

A seguito del relativo successo di ‘Alternative Right’, Richard Spencer divenne sempre più popolare nel mondo degli etno-nazionalisti bianchi e nel 2011 fu nominato presidente del think thank National Policy Institute e direttore esecutivo del Washington Summit Publishers, a cui è legata anche la pubblicazione ‘Radix Journal'(9).

La ‘culture war’ nel nome dell’etnonazionalismo

Spencer cercò di cambiare l’immagine mediatica del nazionalismo bianco dandone un aspetto più pulito e intellettuale e ciò anche grazie alla collaborazione di noti esponenti culturali e accademici di quest’area, come lo psicologo Kevin MacDonald, lo scrittore e musicista Alex Kurtagic, il traduttore Tomislav Sunic e l’editore Jared Taylor.

Proprio lo stesso Taylor è anche il fondatore della ‘New Century Foundation’, che edita il magazine ‘American Renaissance‘ e che dagli anni novanta si pone l’obiettivo di rendere in qualche modo più ‘soft’ e socialmente accettabili le tesi portate avanti dai nativisti e dai paleoconservatori che si richiamano al ‘race realism’ e al nazionalismo bianco, che mediaticamente veniva associato al suprematismo stile ‘KKK old school’ o alle frange più radicali del neonazismo(10).

Su ciò, bisogna dire che l’operazione portata avanti da Spencer e soci è tendenzialmente riuscita e da diversi anni le nuove leve dell’etnonazionalismo bianco statunitense hanno ormai ufficialmente sempre più poco a che vedere con l’area suprematista dei “White power skinheads’ e degli Hammerskins o di organizzazioni come Aryan Nations, il Creativity Movement (già ‘Church of The Creator’), la National Alliance e così via.

D’altro canto, vi sono sempre stati importanti contatti dell’alt right ‘della prima ondata’ con alcuni gruppi neo-confederati come la ‘League of The South'(11), e legami con l’area autodenominatasi ‘realista razziale’ che simpatizza con le idee di David Duke.

Duke, ex rappresentante del moderno Ku Klux Klan e tra i fondatori del forum ‘Stormfront’, è da diversi anni sostenitore dell’alleanza tra separatisti bianchi e neri nel nome della lotta alla ‘società multirazziale’ che sarebbe promossa da quello che lui chiama il ‘suprematismo ebraico’ mondiale e, inoltre, sostiene la necessità dell’unità tra l’area nativista e il populismo di destra e/o di destra radicale(12).

In linea di massima, c’è da sottolineare che i citati legami sono stati visti dall’alt right come un tentativo di ‘guerra culturale’ contro l’egemonia neoconservatrice e teocon nell’ambito della destra statunitense e, allo stesso tempo, come parte della lotta all’ideologia liberal e ‘al sistema del politicamente corretto’, che diversi alt righters sostengono essere fondato sul cosiddetto “marxismo culturale”.

NOTE:

(1) https://theconversation.com/speaking-with-journalist-david-neiwert-on-the-rise-of-the-alt-right-in-trumps-america-101972

(2) https://www.bbc.com/news/election-us-2016-37899026

(3) https://www.informazioneconsapevole.com/2016/09/la-clinton-sostiene-che-trump-ha-legami.html

(4) https://www.unz.com/pgottfried/the-decline-and-rise-of-the-alternative-right/

(5) https://www.takimag.com/contributor/richardspencer/69/

(6) http://alternative-right.blogspot.com/

(7) https://it.blastingnews.com/politica/2018/04/precursore-dellalt-right-sono-ebreo-non-ho-nulla-a-che-vedere-con-i-neonazi-002513995.html

(8) https://www.businessinsider.com/who-is-richard-spencer-university-of-florida-speech-2017-10?IR=T

(9) https://forward.com/news/national/376642/who-is-richard-spencer-alt-right/

(10) https://www.nytimes.com/2019/11/18/us/politics/stephen-miller-white-nationalism.html

(11) https://www.counterextremism.com/content/us-white-supremacy-groups

(12) https://www.jpost.com/US-Elections/Trump-proves-Jewish-supremacy-diminishing-in-GOP-says-David-Duke-453201

Salvatore Santoru, sassarese classe 1990, è un blogger che scrive per diverse testate e dirige il sito "Informazione Consapevole".

Comments

  • longchamp
    14 Giugno 2020

    I and my pals were actually following the great information located on your web blog and so immediately I got a horrible suspicion I had not thanked the web blog owner for them. Those men had been totally warmed to learn them and have in truth been taking pleasure in these things. Appreciate your simply being so accommodating and for opting for such helpful subject areas most people are really desperate to discover. My personal sincere apologies for not expressing appreciation to earlier.

  • nike off white
    23 Giugno 2020

    I wish to express appreciation to you for rescuing me from such a incident. After scouting through the the net and coming across suggestions that were not productive, I thought my entire life was gone. Living minus the approaches to the problems you have fixed all through your good guideline is a critical case, and the ones that might have negatively damaged my career if I hadn’t come across your web site. Your own personal natural talent and kindness in dealing with almost everything was crucial. I don’t know what I would have done if I hadn’t come across such a step like this. I am able to at this moment look ahead to my future. Thanks very much for your specialized and sensible guide. I will not hesitate to refer your web page to anyone who ought to have care about this subject matter.

  • birkin bag
    28 Giugno 2020

    I not to mention my pals were found to be following the good tips and hints from your web site while all of the sudden I got a terrible suspicion I never expressed respect to the blog owner for those strategies. The women are actually certainly glad to see them and have now quite simply been loving those things. Many thanks for indeed being so kind and for opting for this form of cool information most people are really needing to know about. Our own honest apologies for not expressing appreciation to earlier.

  • nike kd 11
    1 Luglio 2020

    Thank you a lot for providing individuals with an exceptionally memorable opportunity to read from this web site. It can be so pleasurable and packed with fun for me personally and my office mates to visit your site not less than thrice weekly to see the newest tips you have got. Not to mention, I am certainly impressed concerning the effective thoughts you serve. Selected 4 ideas on this page are rather the best I have ever had.

Post a Comment


доступен плагин ATs Privacy Policy ©

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito fa uso di cookie, file di testo che vengono registrati sul terminale dell’utente oppure che consentono l’accesso ad informazioni sul terminale dell’utente. I cookie permettono di conservare informazioni sulle preferenze dei visitatori, sono utilizzati al fine di verificare il corretto funzionamento del sito e di migliorarne le funzionalità personalizzando il contenuto delle pagine in base al tipo del browser utilizzato, oppure per semplificarne la navigazione automatizzando le procedure ed infine per l’analisi dell’uso del sito da parte dei visitatori. Accettando i cookie oppure navigando il sito, il visitatore acconsente espressamente all’uso dei cookie e delle tecnologie similari, e in particolare alla registrazione di tali cookie sul suo terminale per le finalità sopra indicate, oppure all’accesso tramite i cookie ad informazioni sul suo terminale.